Il legno lamellare "batte" ferro e cemento da tutti i punti di vista - La tua casa in legno

Contattaci
15 Maggio 2016
Categoria
Case in legno
Commenti Commenti disabilitati su Il legno lamellare “batte” ferro e cemento da tutti i punti di vista

Tags , , , ,

Che il legno lamellare sia un prodotto “nuovo” e’ innegabile, visto che nasce durante la Seconda Guerra Mondiale, a seguito delle ricerche sulle colle fenoliche per le strutture degli aerei di legno della Luftwaffe.
L’idea di base e’ quella di scomporre le tavole di legno in tante piccole lamelle, ricostruendole poi mediante incollaggio delle parti migliori. In questo modo si eliminano le caratteristiche dei tronchi che risultano negative in termini di resistenza strutturale.
Ad esempio, la limitata lunghezza di un unico pezzo, che ha costretto nell’antichita’ ad usare staffe e puntelli di sostegno quando si volevano ottenere grandi luci, o la presenza di nodi dei rami, che indeboliscono la resistenza e la portata della struttura. Per ottenere le lunghezze desiderate vengono usati giunti a pettine; in pratica incastri molto fini ricavati con fresatura sulle testate delle singole lamelle, che si uniscono a testa a testa nel senso della lunghezza, per poi essere incollate di piatto una sull’altra sotto pressione, formando stretti legami intramolecolari simili alle saldature usate coi metalli.
[…] Ancora piu’ interessante il comportamento al fuoco. Sotto fiamma diretta, il lamellare si comporta come un grande ceppo in un camino, formando strati superficiali di carbone che proteggono dal calore le parti interne e ne ritardano la bruciatura. Percio’ le strutture di lamellare, in caso di incendio, non collassano all’improvviso, come accade a ferro e cemento armato, ma bruciano lentamente, resistendo per un tempo proporzionale allo spessore delle travi portanti. Cio’ permette di conoscere con esattezza i reali tempi di resistenza. Ne sanno qualcosa i vigili del fuoco di Sanremo, che hanno potuto lavorare per piu’ di due ore all’interno della struttura del nuovo mercato dei fiori, prima che la copertura di lamellare cominciasse a collassare. E proprio per ragioni di sicurezza quella copertura e’ stata rifatta nello stesso materiale.
[…] Trattandosi di un prodotto di alta industrializzazione, tutto il ciclo lavorativo viene controllato in ogni sua fase ed eseguito in ambienti chiusi, con determinate temperature e costante grado di umidita’. Non solo si garantiscono prestazioni qualitative elevate, ma tutte le lavorazioni vengono segnate su appositi registri, da cui risultano le modalita’ di realizzazione di ogni elemento che viene prodotto.
Una procedura espressamente richiesta dalle norme Din tedesche e da quelle internazionali Glulam, in parte ripresa dall’Eurocodice 5, documento di sintesi sulle strutture di legno messo a punto dai migliori specialisti europei.

Valerio Travi per “Il Corriere della Sera”

“Il cemento armato non dura in eterno, quindi, dopo 25-30 anni la resistenza si riduce progressivamente”. Prof. Aldo Loris Rossi

Comments are closed.

Scopri le ultime novità

Contattaci