ISTAT: l'Italia è "tra i paesi europei con la peggior qualità dell'abitazione" - La tua casa in legno

Contattaci
12 Gennaio 2017
Categoria
La tua casa bio
Commenti Commenti disabilitati su ISTAT: l’Italia è “tra i paesi europei con la peggior qualità dell’abitazione”

Tags

Casa sì, ma spesso ci si arrangia. E’ arcinota la predilezione degli italiani per il ‘mattone’ di proprietà ma, probabilmente, pur di possedere un tetto si rinuncia a una stanza o a ristrutturare, visto che siamo tra i peggiori in Europa per qualità dell’abitazione. A rilevarlo è l’Istat, che sottolinea come più di un italiano su quattro viva in ambienti troppo piccoli e sovraffollati. Nel 2015 “circa il 9,6% della popolazione lamenta condizioni abitative difficili”, spiega l’Istituto di statistica in un capitolo del rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes).

Istat denuncia la scarsa qualità delle case

Una percentuale questa molto più alta rispetto alla media Ue. Fanno peggio solo i paesi dell’Est (Polonia, Bulgaria, Lettonia, Ungheria e Romania). Meglio di noi quindi anche la Grecia, il Portogallo, la Spagna. In realtà anche l’anno prima si registrava una situazione simile. Quel che aumenta è il fenomeno del sovraffollamento (dal 27,2% del 2014 al 27,8% del 2015). E per sovraffollamento, stando alle definizioni Eurostat, si intende quella situazione in cui non ci sono abbastanza stanze per tutti. Infatti, per rispettare gli standard minimi ci deve essere, ad esempio, una stanza per la coppia, una ogni due bambini e una per ogni adulto.

Istat: le case degli italiani sono piccole

Diminuisce invece la quota di chi lamenta problemi strutturali, come infiltrazioni, umidità da soffitto o infissi, anche se resta alta (dal 25% al 24,1%). Rimane stabile, al 7%, la quota di chi dichiara di avere problemi di luminosità. E’ poi pressoché nulla la percentuale di coloro che si ritrovano a non avere un bagno, una doccia o acqua corrente. L’indice di bassa qualità dell’abitazione viene fuori dalla combinazione di tutti questi elementi, trattandosi della percentuale di persone che vivono in ambienti sovraffollati e che presentano almeno uno tra i problemi strutturali (riferiti a soffitti o infissi), di luminosità o relativi alla mancanza di bagno/doccia con acqua corrente.

Istat: case del Sud sono le peggiori

Il risultato è che quasi uno su dieci riscontra la combinazione. Fin qui la media nazionale. Le differenze sul territorio non mancano. L’indice di bassa qualità dell’abitazione è più alto nel Mezzogiorno (11,8%) e più basso al Nord (8,4%) e al Centro (8,9%). Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta vantano le case migliori, Calabria e Abruzzo le peggiori. (Fonte: ANSA)

Comments are closed.

Scopri le ultime novità

Contattaci