Acciaio e calcestruzzo sono materiali del secolo scorso. Il futuro è il legno - La tua casa in legno

Contattaci
28 Marzo 2017
Categoria
Grandi strutture
Commenti Commenti disabilitati su Acciaio e calcestruzzo sono materiali del secolo scorso. Il futuro è il legno

Tags , , , , , , , , , ,

Io vivo a Vancouver, nei pressi di una foresta in cui crescono alberi fino a 110 metri. Sulla costa qui in California, nella Redwood Forest crescono alberi alti più di 130 metri.

Ma gli edifici che costruiamo nel mondo hanno in genere un’altezza massima di 13 metri. Persino i codici dell’edilizia ci impongono limiti di costruzione che non superino i 13 metri di altezza in molte zone, così come qui negli USA.

Ci sono alcune eccezioni ed è necessario che ci siano eccezioni e spero che le cose cambino. La penso in questo modo perché oggi la metà di noi vive in città, e questo numero raggiungerà il 75 per cento.

Con le città e la densità i nostri edifici continueranno a essere imponenti, e secondo me il legno può essere importante per le città.

Dico questo perché tre miliardi di persone nei prossimi 20 anni avranno bisogno di una nuova casa. Il 40 per cento della popolazione mondiale avrà bisogno di un nuovo edificio da costruire entro 20 anni.

Una persona su tre che oggi vive in città vive nei quartieri poveri. Quindi un miliardo di persone vive nei quartieri poveri. Nel mondo 100 milioni di persone sono senzatetto.

La sfida per gli architetti e per la società consiste nel trovare una soluzione per dare un alloggio a queste persone. Ma la sfida è, se consideriamo le città, che le costruzioni sono realizzate con questi due materiali, l’acciaio e il calcestruzzo, ottimi materiali.

Sono i materiali del secolo scorso. Ma questi materiali hanno anche un alto livello di energia ed emettono grandi quantità di gas serra nella loro lavorazione. L’acciaio corrisponde a circa il 3 per cento di emissioni di gas serra a opera dell’uomo, mentre il calcestruzzo supera il 5 per cento.

Pertanto oggi circa l’8 per cento delle nostre emissioni di gas serra proviene solo da questi due materiali. Non ci pensiamo più di tanto e, purtroppo, credo che non pensiamo neppure all’edilizia, come invece dovremmo fare. Questa è una statistica USA sull’impatto dei gas serra.

Quasi la metà dei nostri gas serra sono correlati all’edilizia, e se consideriamo l’energia, è la stessa cosa.

Noterete che i trasporti sono al secondo posto, ma è questo l’argomento di cui si parla maggiormente. E sebbene si tratti in gran parte di energia, si tratta anche di carbonio.

Il problema è che, in fin dei conti, il modo in cui troviamo una soluzione al problema di dare un alloggio a quei tre miliardi di persone e i cambiamenti climatici diventano uno scontro frontale imminente, o che si sta già verificando.

Ciò significa che dobbiamo iniziare a pensare in modo diverso e credo che il legno potrebbe essere parte integrante della soluzione.

Arch. Michael Green

Comments are closed.

Scopri le ultime novità

Contattaci