Il tetto prefabbricato: la nuova frontiera della ricerca Rubner - La tua casa in legno

Contattaci
21 Febbraio 2019
Categoria
Case in legno
Commenti Commenti disabilitati su Il tetto prefabbricato: la nuova frontiera della ricerca Rubner

Tags , ,

La novità del 2019 è il tetto prefabbricato made in Rubner: una nuova frontiera per l’edilizia in legno.

L’innovazione in edilizia ha obiettivi comuni, ma implicazioni e declinazioni diverse. Lo dimostra proprio il tetto che arriva già finito in cantiere. La Rubner punta sulla possibilità di declinare il progetto a seconda delle esigenze, sull’impiego della progettazione digitale, a zero margini di errore e sulla ricerca di soluzioni in grado di abbattere i costi e i tempi di realizzazione. Per offrire al consumatore finale un “prodotto” casa il più possibile a portata di mano. La differenza, però, sta nella scelta dei materiali, nel modo in cui vengono utilizzati e nelle tecnologie impiegate. 

La casa in legno Rubner è prodotta in stabilimento (vengono addirittura montati infissi e impianti elettrici), ma può essere personalizzata in ogni finitura e dettaglio. I tempi di realizzazione restano competitivi: superata la fase di preparazione del terreno e delle autorizzazioni, in fabbrica ci vogliono in media due giorni per costruire mura e tetto di 300 metri quadrati.

PREFABBRICAZIONE
Non significa standardizzazione del prodotto, ma:
• Razionalizzazione del processo costruttivo (meno costi,meno energia impiegata);
• Tempi di costruzione molto ridotti, riduzione di polveri e rumori di cantiere;
• Macchine a controllo numerico: costruzioni ad alta precisione e a basso costo.


Una casa in legno è finita in pochissime settimane grazie a:

– prefabbricazione 
– facciamo tutto noi
– cantiere “a secco”
– 50 anni di esperienza Rubner

Soluzioni che nascono dalle severe prove di resistenza strutturale a cui sono sottoposte tutte le nostre case, in collaborazione con due dei più importanti centri di ricerca italiani sulle costruzioni in legno, l’Università degli Studi di Trento e l’Istituto CNR IVALSA di San Michele (TN). Le prove hanno seguito un iter che parte dall’elemento più piccolo, gli ancoraggi a taglio e a trazione, per arrivare all’elemento più grande, l’intero edificio. Il tutto seguito dall’ufficio di ingegneria Rubner, in collaborazione con i più importanti esperti nel campo delle costruzioni in legno.

Comments are closed.

Scopri le ultime novità

Contattaci